News

È morto Sean Connery, leggenda indimenticabile del cinema

Vincitore di un Premio Oscar, tre Golden Globe e due BAFTA: Sean Connery, nato in un sobborgo di Edimburgo il 25 agosto del 1930 e ritiratosi dalla scena ormai da diciassette anni fa a causa di una malattia neurodegenerativa, ci ha lasciato quest’oggi.

Nel 1962 fu scelto per il ruolo dell’indimenticabile James Bond, l’agente segreto 007 che interpreterà per sette pellicole: il rischio di rimanere ancorato a un personaggio così ingombrante nella storia del cinema era molto alto, ma le sue capacità attoriali lasceranno ancora molto spazio alla sua carriera.

Lavorò per Alfred Hitchock in “Marnie” e per Sidney Lumet in “La collina del disonore”, e la consacrazione da parte della critica arrivò con la magistrale interpretazione del monaco Guglielmo da Baskerville ne “Il nome della rosa” di Jean-Jacques Annaud (tratto dal libro di Umberto Eco), seguito da film culti come “Gli intoccabili” di Brian De Palma, “Indiana Jones e l’ultima crociata” di Steven Spielberg, “Robin Hood-Principe dei ladri” di Kevin Reynolds.

L’eterno attore sex symbol, molto riservato per quanto riguardava la sua vita privata, era vegano da molti anni e si era messo in prima linea a favore di diverse cause per il clima e l’ambiente marino.
Orgoglioso del suo paese, la Scozia, per la quale mostrava il suo amore apparendo in pubblico con il kilt, sostenne con orgoglio la campagna di indipendenza e supportò anche finanziariamente il Partito Nazionale Scozzese.

Comment here

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi