In evidenzaMusicaNews

I Negramaro tornano dopo tre anni con un concept album che celebra ciò che ci manca come non mai: il “Contatto”

Venerdì 13 novembre è uscito il nuovo album dei Negramaro, anticipato dall’omonimo singolo di lancio: “Contatto”.
Mai parola più nostalgica per il periodo che stiamo vivendo: le canzoni dei Negramaro ci parlano di pelle, abbracci e vicinanza, ma anche di clima, razzismo e viaggi in un altrove che ci siamo dovuti inventare tra le mura di casa.
“Contatto” è un concept album, quindi le dodici canzoni che lo compongono sono in qualche modo collegate da un filo rosso che ci aiuta a non perderne il significato d’insieme e a sentirci parte di una storia che in fondo è un po’ anche nostra.

Il singolo, uscito oramai più di un mese fa, è una riflessione sull’importanza che hanno la fisicità, la concretezza del tatto, il tocco che parte da un corpo per avvicinarsi a un altro. Un testo che parla di sudore, presenza degli amici in carne e ossa, vino e film in compagnia, raccogliendo tutti quei piccoli bisogni quotidiani che ci danno la conferma che non siamo soli e che ci manca avere accanto qualcuno che invada anche il nostro spazio vitale.
“Noi resteremo in piedi” è a tutti gli effetti un motto di resistenza: con spezzoni di audio tratti dalle proteste del movimento attivista Black Lives Matter, riconosce il privilegio riservato ad alcuni (“ma tu non ti accorgi che il mondo non gira per tutti in un senso”) e le discriminazioni rivolte ad altri (“quando si è nell’ombra, si ha molto tempo davanti per capire meglio cosa c’è da fare”).
“Mandiamo via l’inverno” racconta quel mondo che la pandemia ci rende difficile riconoscere e a cui facciamo fatica ad abituarci, ma non risparmia anche considerazioni poetiche legate al sottovalutato problema del cambiamento climatico.
“Non è vero niente” è frutto dell’unico featuring presente nel disco, ovvero quello con Madame, diciottenne talentuosa che tra l’altro vanta già importanti collaborazioni (ricordiamo Ghali, Marracash, Mecna ed Ernia).
La canzone, nella quale vengono anche citate le “Sciccherie” che hanno reso nota la cantante, è un dialogo tra i due – le cui voci si intersecano alla perfezione – che si contraddicono e ribattono a vicenda pretendendo di avere l’ultima parola, fino a quando un crepitio che ricorda una televisione fulminata li spegne entrambi.
Non manca, come il cantautore è solito fare, un brano dedicato alla figlia Stella, ma in generale ai bambini di tutti i componenti della band: “Devi solo ballare”.
“Come se non fosse successo mai niente” e “E se domani ti portassi al mare” ci parlano della voglia di ripartire da zero e di ricominciare tutto da capo, rivivendo le esperienze e guardando ogni posto come se fosse la prima volta o come se volessimo regalare ai nostri occhi una nuova visione delle cose.
“Scegli me”, “Non è mai per sempre”, “La cura del tempo” e “La terra di nessuno” sono quattro canzoni che parlano di amori esclusivi – che fioriscono o che resistono – determinati ad abbattere ogni limite spazio-temporale.
“Dalle mie parti” è la perla che, con una commovente delicatezza, conclude il disco e ricongiunge il cerchio incominciato con la prima traccia: la solidarietà, la gentilezza, la compassione e l’empatia devono essere alla base di qualsiasi rapporto, perché a prescindere dal posto in cui siamo nati siamo prima di tutto persone e da esseri umani dobbiamo pensare e comportarci.

La copertina dell’album è un progetto nato dalla collaborazione con il 3d artist Amin Farah del digital studio Theblacklab: vediamo quattro umanoidi dai tratti somatici non definiti le cui ombre ci ricordano le ali di una farfalla.
Come ha rivelato Giuliano Sangiorgi, nel disco la band ha deciso di schierarsi con piccole (che poi così piccole non sono) prese di posizione riguardo a temi importanti su cui troppo spesso la gente parla a sproposito o non si esprime proprio.
Tante voci, anche se sussurrate, insieme, possono dare il via a un cambiamento radicale, così come il flebile battito d’ali di una farfalla può causare danni dall’altra parte del mondo.

Comment here

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi