EventiIn evidenzaMusicaNewsSpettacolo

Festival Di Sanremo 2024, La Prima Serata È Un Ciclone Di Bellezza, Intensità E Colore Con Tanta Liguria

Zero polemiche, festival light nella cornice ma denso di colori a tinte accese nei contenuti. E’ l’edizione kolossal con 30 cantanti in gara e tutto un contorno di ospiti; amici, nemici che diventano amici e viceversa perchè il Festival unisce l’Italia per una settimana come nessun altro evento. Così sia. Ogni anno è quasi sempre uguale a sè stesso ma va bene così. Il Festival è una parentesi di luce tra bollette, affitti, prezzi che volano alti come le imprecazioni: una lucida follia collettiva vicina all’esagerazione che, malgrado tutto, piace. Amadeus è vestito di bianconero, la scenografia è un fiore sbocciato sul palco dell’Ariston, tra giochi di specchi e trasparenze. Si parte.

L’avvio è una terna di stili, voci, esperienza e futuro: da Clara che ha la responsabilità di aprire il Festival, al ritorno di Sangiovanni e alla frustata di vitalità, bravura e intensità di Fiorella Mannoia che fa esplodere di giubilo la platea: tra boomer e giovani, la Mannoia vestita con lo strascico, sembra già aver messo tutti d’accordo….chissà. Marco Mengoni esordisce come conduttore ma la sua vera anima è nel canto e quando ripropone la canzone vincitrice della scorsa edizione è un fiorire di cellulari, video e foto ma come co-conduttore non sfigura, al netto di alcune gag francamente inutili ma non è colpa sua che, anzi, si dimostra ironico e capace. La scaletta riporta le 2.18 come orario di conclusione per cui la parola d’ordine è: velocità. Ed in effetti la serata è scorrevole e piacevole senza perdite di tempo o siparietti inutili.

Fiorello sempre incisivo e in formissima, “Ama pensati libero….è l’ultimo” , si rivolge al presidente di Rai Cinema e gli dice: “Sembrava Rosa Chemical lo scorso anno”. Fiorello andrà in onda fino a venerdì subito dopo la fine delle serate all’Ariston. Annalisa, regina Mida dell’ultimo biennio musicale si presenta con “Sinceramente” e…..altrettanto sinceramente ci si aspettava qualcosa in più anche se il pubblico applaude con convinzione: il reef è orecchiabile e non è un vantaggio da poco.

Dal divertimento alla commozione come cifra di questa prima serata. La lettera della mamma del giovane Giovanni Cutolo ucciso a Napoli per aver difeso un amico, racconta la disperazione più nera e profonda di una mamma che descrive il sogno del figlio di suonare nella Sinfonica di Sanremo. Suonava il corno e per quel gesto è stato insignito con la medaglia d’oro al Valor Civile.

Convincono Diodato, Loredana Bertè che fa deflagare l’Ariston con le sue gambe migliori di quelle di certe ventenni, Angelina Mango e i The Kolors che sono tra i favoriti a cui va aggiunto anche “Il Volo”. La Liguria fa un figurone: rappresentata da Annalisa, Alfa, I Ricchi e Poveri e Tedua che si esibisce sulla Costa Smeralda: è di Cogoleto e ha studiato a Finale Ligure. Domani (oggi per chi legge n.d.r.) Saranno eseguite 15 canzoni delle 30 in concorso e sarà comunicata la classifica delle prime 5 in classifica della serata. Votano la Giuria delle Radio e il pubblico da casa con il Televoto il cui voto avrà un peso del 50%.

LA TOP FIVE DELLA SALA STAMPA

1 Loredana Bertè

2 Angelina Mango

3 Annalisa

4 Diodato

5 Mahmood

Comment here