EventiIn evidenzaMusicaNewsSpettacolo

Festival di Sanremo 2024, terza serata con gli ultimi 15 cantanti: in classifica vola Angelina Mango

La terza serata è il lato B della seconda, si esibiscono i 15 cantanti che ieri hanno visto cantare gli altri 15 cantanti, presentandoli. Anche stasera Televoto e Voto della Sala Stampa Radio hanno un peso del 50%. Al termine della serata verrà resa nota la classifica alla terza serata prima del venerdì dedicato ai duetti e il gran finale di sabato. Il Festival sta vivendo di momenti straordinari, la lezione di vita di Giovanni Allevi e l’esecuzione del Va’Pensiero si fondono nel nome della musica e delle emozioni. Il Coro della Fondazione Arena di Verona regala momenti in quota Lega con il Va’ Pensiero che va a chiudere il cerchio con Romagna Mia eseguita ieri e il primo posto di Geolier che canta in napoletano. Le esibizioni si aprono con Il Tre, Maninni e BNKR44: niente di speciale, tutto abbastanza anonimo.

Arriva alle 21.33 il momento di Teresa Maninno che inaugura la sua presenza all’Ariston vestita di bianco e con una comicità semplice ma efficace, mai volgare. La Mannino scherza sulla pericolosità proverbiale della scalinata del palco dell’Ariston: ““Non scendo! Mi sono fatta gli occhiali nuovi e non capisco qual è l’angolo giusto per scendere le scale. Scendo solo se me lo chiede il pubblico di Sanremo”. La prima scossa la regala Mr.Rain che, dopo aver sfiorato la vittoria lo scorso anno con il coro di voci bianche in Supereroi, si esibisce su un’altalena. Il momento amarcord lo regala Eros Ramazzotti che celebra i 40 anni di “Terra Promessa”, canzone che vinse nel 1984 la sezione “Nuove Proposte”, anche lui come tanti deve la sua carriera artistica al Festival di Sanremo che vinse due anni dopo con “Adesso Tu”. Le morti sul lavoro son il tema di riflessione della serata: “4 persone al giorno non tornano più a casa”, Paolo Jannacci e Stefano Massini danno vita al monologo “L’uomo nel lampo”, un pezzo di denuncia sociale sulle morti sul lavoro. Diritti e dignità, Viva la dignità è il messaggio lanciato da Massini. Tra gli ospiti della serata c’è anche Sabrina Ferilli che presenta la nuova fiction Gloria, una diva del cinema italiano ormai in declino. L’attrice, a cui ormai vengono proposti solo ruoli televisivi e piccoli lavori, è convinta che prima o poi tornerà a recitare sul grande schermo e finisce per cedere alle proposte del suo agente ma l’attesa è tutta per Russel Crowe e per capire se si consumerà nuovamente una brutta figura urbi et orbi come accaduto la sera precedente con John Travolta, ma prima arriva Gianni Morandi ed è subito anni ’60 con “C’era un ragazzo” ma è anche un ritorno ai fasti dello scorso Festival condotto insieme ad Ama. Il premio Oscar entra in scena alle 23.16 eseguendo “Let your light, shine” accompagnato dalla propria band, giusto per non rischiare. Tra le performance da segnalare, quella di Fiorella Mannoia che all'”applausometro” se la gioca con Loredana Bertè.

 

Ecco la top five aggiornata alla terza serata:

5° Mr.Rain

4° Il Tre

3° Alessandra Amoroso

2° Ghali

1° Angelina Mango

 

Comment here