In evidenzaNews

Musica in lutto per la morte del maestro Gianfranco Reverberi

Lutto nel mondo della musica per la morte del Maestro Gianfranco Reverberi. Aveva 89 anni, era nato a Genova il 12 dicembre 1934.  Insieme a Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Paolo (Pallino) Tomelleri, Nando De Luca e Luigi Tenco  costituisce uno dei primi gruppi italiani di rock and roll, con cantante Adriano Celentano. Ha diretto l’orchestra del Festival di Sanremo, nei brani eseguiti da Nicola Di Bari (da lui prodotto) che vinceranno il Festival nel 1971 con Il cuore è uno zingaro, nel 1972 con I giorni dell’arcobaleno, mentre nel 1970 il brano, La prima cosa bella, pur non vincendo si rivelerà il più venduto dell’anno.

Nelle vesti di manager, arrangiatore, compositore, musicista e direttore d’orchestra, svolge tournée in vari Paesi europei, in Giappone, in Australia e in Sud America (Argentina, soprattutto), accompagnando anche Luigi Tenco, Lucio Dalla e Nicola Di Bari.

Oltre a comporre canzoni, scrive colonne sonore per film. Proprio un brano tratto da una di queste, composta per il film Preparati la bara!, con Terence Hill, nel 2006 è ripreso dal duo statunitense Gnarls Barkley per il loro singolo Crazy.

In SIAE sono depositati a suo nome 1456 brani musicali. Nel 2022 partecipa al documentario “La nuova scuola genovese” di Claudio Cabona in cui dialoga con il produttore rap Demo. Il progetto racconta il filo rosso che lega il rap ligure alla grande scuola della canzone d’autore.

Comment here