In evidenzaNews

L’università Bicocca aveva deciso di rinviare un corso sullo scrittore russo Dostoevskij, ma poi ha fatto marcia indietro dopo l’indignazione sui social

Ieri, con un video pubblicato su Instagram, il docente Paolo Nori ha raccontato di aver ricevuto una mail in cui l’università di Milano-Bicocca lo informava della cancellazione di un ciclo di lezioni che avrebbe dovuto tenere a partire dal 20 marzo, intitolato La grande Russia portatile. Viaggio sentimentale nel paese degli zar dei soviet, dei nuovi ricchi e nella più bella letteratura del mondo – come il suo omonimo libro – e dedicato alla vita e all’opera del più grande romanziere russo di ogni tempo.

Nella mail, la Bicocca ha spiegato che lo scopo del rinvio «è quello di evitare ogni forma di polemica soprattutto interna in quanto momento di forte tensione», con un riferimento evidente all’invasione russa dell’Ucraina e alle tensioni che ne sono seguite.

«Mi viene da piangere solo a pensarci. Ma quello che sta succedendo in Italia oggi, queste cose qua, sono ridicole», ha detto Nori, «censurare un corso è ridicolo. Non solo essere un russo vivente è una colpa oggi in Italia, ma anche essere un russo morto, che quando era vivo nel 1849 è stato condannato a morte perché aveva letto una cosa proibita, lo è. Che una università italiana proibisca un corso su un autore come Dostoevskij è una cosa che io non posso credere, quando ho letto questa mail non ci credevo».

Dopo la pubblicazione del video, però, la Bicocca ha fatto marcia indietro con un tweet, annunciando che il corso su Dostoevskij di Paolo Nori si farà: l’università di Milano-Bicocca “è un ateneo aperto al dialogo e all’ascolto anche in questo periodo molto difficile che – si legge in una nota dell’università – ci vede sgomenti di fronte all’escalation del conflitto.” L’ateneo “conferma che tale corso si terrà nei giorni stabiliti e tratterà i contenuti già concordati con lo scrittore”.

Inoltre, la rettrice dell’Ateneo Giovanna Iannantuoni incontrerà Paolo Nori la prossima settimana per un momento di riflessione.

Comment here

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi