In evidenzaMusic NewsNews

Mahmood e Blanco: «Siamo felici di poter rappresentare l’Italia, il nostro desiderio più grande è di portare la nostra musica all’estero».

Lo sappiamo da sempre, i favoriti non vincono mai. Almeno fino a quando al festival di Sanremo non hanno partecipato Mahmood e Blanco.

«Quando hanno pronunciato i nostri nomi non ci è sembrato vero. In questi giorni ci ha impressionato il calore delle persone». A parlare sono Mahmood e Blanco, vincitori della 72esima edizione del Festival con Brividi, arrivata al primo posto di Sanremo 2022 davanti a Elisa e Gianni Morandi.

«Alla fine ho abbracciato i miei genitori perché quando ero piccolo li facevo dannare», ha detto Blanco. «Mio padre mi ha detto: li mortacci tua. Vederli piangere mi ha commosso». Mahmood, invece, ha detto: «Non abbiamo ancora realizzato di aver vinto, abbiamo preso tutto come un gioco sin dall’inizio, per questo sul palco ci siamo guardati perplessi, con uno sguardo inespressivo».

Brividi è rimasta al primo posto per praticamente tutto il festival, un trionfo che Mahmood e Blanco non si aspettavano. «Ognuno nel brano racconta la propria storia, ma i sentimenti sono li stessi perché riguardano tutti. Non è stato qualcosa di studiato a tavolino, non sapevamo a chi avremmo dovuto parlare. Abbiamo solo messo quello che sentiamo nel brano, tutto è venuto naturalmente. Il grande tema non è quello dell’amore, la canzone è mossa più da un sentimento di libertà d’amare. Il disagio che vogliamo sconfiggere è quello del non riuscire a esprimersi e farsi capire».

Ora Brividi arriverà anche sul palco dell’Eurovision, in Italia dopo la vittoria dei Måneskin. Mahmood e Blanco non canteranno una versione in inglese del brano: «Siamo felici di poter rappresentare l’Italia, il nostro desiderio più grande è di portare la nostra musica all’estero».

Hanno detto anche la loro Elisa e Morandi, che con O forse sei tu e Apri tutte le porte hanno portato a casa il premio per la migliore composizione e quello della sala stampa. «L’inizio non è stato semplice, l’emozione e la tensione erano grandi. Ma vedere che la canzone è stata apprezzata, arrivare fra la gente, mi ha scaldato il cuore», ha detto Elisa. «Quella di Mahmood e Blanco è una vittoria meritatissima. A me è piaciuto molto anche Irama».

Per Morandi, invece, il momento più bello è stato il duetto con Jovanotti, mentre l’inizio «è stato il più complicato. Mi sento di sottolineare come questo podio rappresenti diverse generazioni. È straordinario per questo motivo».

Comment here

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi