In evidenzaNews

Buon compleanno a Dustin Hoffmann: oggi compie 85 anni

Attore, regista e produttore, due volte premio Oscar, Leone d’Oro e Golden Globe alla carriera, quattro David di Do- natello: tutto questo è Dustin Hoffman che oggi festeggia 85 anni.

Il suo esordio sul grande schermo arriva nel 1967 con il film Il laureato di Mike Nichols, grazie al quale riceve la sua prima candidatura all’Oscar e al Golden Globe come miglior attore protagonista, vincendo quest’ultimo come miglior attore esordiente. Il film successivo vale all’attore la fama internazionale, interpretando Salvatore Rizzo, uno zoppo e malato di tubercolosi in Un uomo da marciapiede, accanto a Jon Voight. Oltre al successo mondiale, l’attore riceverà il David di Donatello come miglior attore straniero, e nuovamente la nomination al Golden Globe e all’Oscar. Successivamente ha interpretato Il thriller Cane di paglia (1971), il western Il piccolo grande uomo e le commedie John e Mary (1968) e Chi è Harry Kellerman e perché parla male di me?, dove ha dimostrato di essere un attore versatile e dotato di grande talento.

Il laureato  lo trasforma nel giro di pochi mesi da caratterista sconosciuto a divo candidato all’Oscar, che segnerà gli anni settanta con alcune intense e significative interpretazioni. Attore versatile, “sobrio, flemmatico, energico”, passa con disinvoltura dal thriller (Cane di paglia, 1971, Il maratoneta, 1976) alla commedia (Tootsie, 1982), dal genere realistico di denuncia (Un uomo da marciapiede, 1969) al film politico (Tutti gli uomini del presidente, 1975), da quello d’avventura (Papillon, 1973) a quello fantastico (Hook – Capitan Uncino, 1991).

Nella lunga carriera ha tratteggiato personaggi di forte drammaticità e complessità “con i quali attraversa più di trent’anni di cinema americano”: da Il piccolo grande uomo (1970) di Arthur Penn al marito mite di Cane di paglia (1971) di Sam Peckinpah, dal padre in lotta per la custodia del figlio di Kramer contro Kramer (1979), fino allo struggente Raymond, l’autistico di Rain Man – L’uomo della pioggia (1988). Per questi ultimi due film ottiene l’Oscar al miglior attore, mentre nel 1996 riceve a Venezia il Leone d’oro alla carriera.

Comment here